Tradizioni natalizie in Italia e a Siena

Il Natale è una delle feste più conosciute in tutto il mondo ed ogni paese ha sviluppato le proprie tradizioni natalizie. Dal tipico scambio dei doni all’allestimento di presepi e luci nelle vie cittadine, l’atmosfera natalizia è sempre riconoscibile. 

Ecco una lista di tradizione natalizie italiane e come il Natale arriva nella città di Siena.

Tradizioni Natalizie - Nannini Dolci e Caffè

Tradizioni natalizie in Italia

Il presepe

La tradizione del presepe è una tradizione natalizia tipica italiana. Il primo presepe della storia, un presepe vivente, fu allestito da San Francesco D’Assisi nel 1223. 

Il presepe tradizionale è una composizione plastica e molto realistica della Natività di Gesù Cristo. Nel presepe sono presenti tutti i personaggi e i luoghi della tradizione, tra cui: la grotta, la mangiatoia, Giuseppe e Maria, i magi, i pastori, le pecore, il bue e l’asinello. 

Tradizionalmente la statuetta del Gesù Bambino viene posta nella mangiatoia alla mezzanotte tra il 24 e il 25 dicembre, mentre le statue dei re magi vengono poste il giorno dell’Epifania. 

Non mancano ovviamente anche i presepi viventi, una tradizione natalizia che ha avuto inizio nel Medioevo e che ad oggi è possibile vedere soprattutto nelle grandi città.

L’albero di Natale

La tradizione natalizia dell’albero di Natale è una tradizione nata originariamente in Nord Europa, ma che è ormai diffusa in tutto il mondo.

In Italia, è tradizione che l’albero di Natale venga allestito l’8 dicembre, il giorno dell’Immacolata Concezione. Le decorazioni tipiche che vengono messe su un albero di Natale sono le palline e le luci, con un bel puntale che corona la cima dell’albero.

Per decorare l’albero di Natale si usano le palline perché esiste una leggenda che racconta di un giocoliere, che si aggirava per le strade di Betlemme durante la nascita di Gesù. Il giocoliere era triste, poiché non poteva permettersi di portare un regalo al Gesù Bambino, così decise di sfruttare le sue doti artistiche. Il giocoliere fece uno spettacolo solo per il Gesù Bambino, strappandogli un sorriso. 

Zampognari 

Un’altra tradizione natalizia italiana, soprattutto del centro-sud della penisola, è quella degli zampognari, uomini vestiti da pastori e muniti di zampogna, risalente al XIX secolo.

Lo zampognaro, tipicamente, scende dalla montagna e va per le vie del paese a suonare musiche natalizie con il suo strumento a fiato. 

Delle volte è anche possibile vedere una coppia di zampognari prendere parte ad un presepe vivente, posti nelle vicinanze della grotta o della capanna.

Calendario dell’avvento

Una delle tradizioni natalizie più adorate dai bambini è il calendario dell’avvento. Questa è una tradizione molto diffusa nel Nord Italia, dove quasi ogni famiglia lo prepara.

Il calendario dell’avvento è composto da 24 caselle, che rappresentano i 24 giorni prima di Natale, a partire dal 1 dicembre fino alla vigilia. Ogni giorno viene aperta una casella, che corrisponde al giorno del mese e all’interno si trovano piccoli doni o dolciumi.

Questa tradizione si è ormai diffusa così tanto che è possibile acquistare i calendari dell’avvento in tutti i supermercati.

Le caselle del calendario dell’avvento possono anche contenere dolciumi e tra questi si potrebbe trovare qualche dolce natalizio firmato Nannini, per portare la tradizione senese nelle nostre case.

Tradizioni natalizie a Siena

Le luminarie

Come in ogni città, il periodo natalizio a Siena è caratterizzato dalle luminarie, che illuminano le piazze e le vie principali della città a partire dal 1 dicembre.

Se si va a Piazza del Campo, possiamo ammirare le proiezioni natalizia sui muri esterni del Palazzo Comunale. Dalla stella cometa a i fiocchi di neve, si possono vedere tutti i simboli tipici del natale proiettati sul famoso monumento senese.

Braccialetti delle contrade

Quest’anno, nelle vie che non saranno illuminate dalle luminarie della città, verranno invece illuminate dai braccialetti delle contrade.

Ogni contrada ha deciso le vie del proprio rione da illuminare con i propri braccialetti, per dare più colore e gioia alle vie della città anche in questo periodo difficile. 

Gli alberi di natale per ogni contrada

Nei vari rioni della città di Siena vengono allestiti gli alberi di natale. A seconda del rione in cui essi sono posti, le decorazioni riprendono i colori della contrada.

Albero di Natale - Nannini Dolci e Caffè

Ad esempio, se camminando tra le strade di Siena vediamo un albero di Natale con addobbi gialli, rossi e blu sappiamo di essere nella contrada della Chiocciola. Se invece ci ritroviamo davanti ad un albero dove dominano il celeste, il rosso e il bianco, ci troviamo nella contrada della Pantera.

Ogni contrada abbellisce così le strade della città di Siena, con i propri colori e con il proprio spirito natalizio.

Il trenino

Come ogni anno, per le strade della città di Siena correrà un trenino, che farà tappa nei luoghi più importanti del centro storico.

Questa tradizione natalizia va avanti da anni ormai, e da quest’anno ci saranno anche le fermate in prossimità dei Musei di Contrada, che saranno aperti e visitabili.

Fiera di Santa Lucia

Per entrare nello spirito del Natale, non può mancare la nota tradizione natalizia dei mercatini.

 A Siena ogni 13 dicembre si realizza la Fiera di Santa Lucia, dove è possibile acquistare dell’oggettistica per decorare la propria casa e il proprio albero in vista della festa di Natale. E’ anche possibile acquistare i vari dolci natalizi, da mangiare in famiglia il 25 dicembre.

Percorsi gastronomici

In una città come Siena non possono certamente mancare i percorsi gastronomici, che danno la possibilità ai visitatori di assaporare piatti tipici natalizi per le vie della città.

Ovviamente in questi percorsi sarà possibile assaggiare i tipici dolci natalizi, come i ricciarelli, il panforte e i cantucci.

Questa può essere un’occasione per assaggiare i prodotti artigianali firmati Nannini, che ogni anno portano la gioia del Natale nelle case di chi acquista i loro prodotti.